Le tendenze di marketing 2020 da sfruttare

Le tendenze di marketing 2020 da sfruttare

Riesci a credere che sia quasi il 2020? Ogni anno, innovazioni tecnologiche nuove e dirompenti stanno costringendo i marketer ad evolvere le migliori pratiche. Il marketing digitale, un tempo l’unico gioco in città, ha lasciato il posto al marketing multicanale; e oggi, ci stiamo rapidamente avvicinando all’era del marketing onnicanale.

E questo può essere travolgente: nonostante il tasso di innovazione di marketing continui ad accelerare, la maggior parte delle organizzazioni faticano a tenere il passo. Ma la buona notizia è che nuovi modi di fare le cose portano nuove opportunità. Qui ci sono tre principali tendenze di marketing che si svilupperanno tra le organizzazioni per il 2020 e oltre:

Ottimizzazione SEO sulla SERP

Mai sentito parlare di risultati a scatto zero? Probabilmente li avete visti. Un risultato a scatto zero è un risultato di ricerca in cui Google fornisce automaticamente la risposta alla richiesta di ricerca sotto forma di un frammento automatico.

Ad esempio, se si digita , “Qual è la temperatura a San Francisco?” Google vi fornirà automaticamente un risultato che genera da solo. Si dovrebbe effettivamente scorrere verso il basso per vedere i risultati di Adwords e i risultati della ricerca organica.

Google auto-popola i risultati della ricerca per ricerche molto più ampie. Tutto, da “Cos’è una valuta criptata” a “Come faccio a creare un imbuto di marketing” ha un frammento che può impedire ad un ricercatore di scorrere verso il basso per vedere più risultati.

Perché questo è significativo? Perché il 61,8% dei risultati di ricerca in Google sono ora risultati di ricerca zero, secondo i dati di Jumpshot. Di conseguenza, sempre più parole chiave stanno diventando sempre meno redditizie.

Nonostante lo snippet automatico a volte provenga da un sito web che si colloca da qualche parte nella pagina 1 della pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP), le aziende non sono sicure di come ottimizzare i loro contenuti in modo che Google li scelga su chiunque si contenda lo stesso posto. Inutile dire che si tratta di uno sviluppo preoccupante per qualsiasi azienda che commercializza o inserzionisti su Google.

Pubblicità su altoparlanti intelligenti (e ottimizzazione per la ricerca vocale)

Un altro importante sviluppo degli ultimi anni è stata la proliferazione degli altoparlanti intelligenti. Nel 2018, secondo il Bilancio Sociale, sono stati venduti ai consumatori circa 56 milioni di altoparlanti intelligenti.

Eppure, nonostante il crescente numero di famiglie che pongono domande ad Alexa, Siri e Google Home, le opportunità di marketing e pubblicità per gli smart speaker sono state scarse. Ma questo sembra cambiare.

Nel 2017, ad esempio, gli utenti di Google Home hanno notato che un annuncio universale per Disney’s Beauty and The Beast ha iniziato a suonare poco dopo gli annunci del mattino, chiamati flash briefing. Questi tipi di annunci erano rari e poco frequenti all’epoca, ma ora stanno diventando sempre più popolari.

Nel 2019, stiamo vedendo esempi migliori, meno invasivi, di pubblicità di marca su altoparlanti intelligenti. Uno dei modi più adatti ai clienti per fare pubblicità su altoparlanti intelligenti è quello di fare quella che viene chiamata una “abilità di marca”. Ad esempio, se dici ad Alexa “Chiedi a Patrón una ricetta per un cocktail”, Alexa risponderà con una selezione diversificata di possibilità, per gentile concessione del produttore di tequila premium. Questa strategia funziona: Patrón riceve più di 6.000 richieste al mese per la sua abilità Alexa, secondo Digiday.

Ottimizzazione per la ricerca vocale

Certo, la maggior parte delle marche potrebbero non essere pronte a esplorare la pubblicità di altoparlanti intelligenti solo per il momento. Ma nel frattempo, dovrebbero esplorare l’ottimizzazione dei loro contenuti per la ricerca vocale.

Secondo Google, il 20 per cento di tutte le query di ricerca di Google ora avviene attraverso la ricerca vocale. Ancora più significativo è che il 71% di tutti gli utenti di telefonia mobile tra i 18 e i 29 anni utilizza assistenti vocali sui loro smartphone, secondo Thrive Analytics.

Inutile dire che probabilmente ha molto senso per tutte le aziende iniziare ad ottimizzare i propri contenuti per la ricerca vocale, non solo per le grandi imprese. Ci sono molti consigli da parte di esperti di marketing su come fare questo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*